Zecche e borreliosi

Zecche e borreliosi

Con l’arrivo della stagione calda anche numerosi insetti fanno il loro ritorno. È il caso delle zecche, che in Ticino sono portatrici di una malattia: la borreliosi.

In altri cantoni della Svizzera le zecche sono portatrici di una malattia più grave, di origine virale: la meningoencefalite.

Borreliosi o malattia di Lyme

In questa pagina viene descritto l’agente patogeno, come insorge l’infezione ed i sintomi della malattia. Viene anche descritto dove e con quale frequenza si presenta questa malattia, come pure ciò che si può fare per proteggersi contro un’infezione.

La borreliosi o malattia di Lyme è provocata dal batterio Borrelia burgdorferi ed è generalmente trasmessa all’essere umano da zecche infette che si nutrono di sangue.

Quadro clinico

Esistono diversi tipi di batterio Borrelia e gli organi colpiti durante la malattia variano a seconda di ciascun tipo. Il primo sintomo può essere un arrossamento localizzato nel sito della puntura, che si espande assumendo una forma anulare e scompare nell’arco di giorni o settimane. In alcuni casi, dopo settimane, mesi o addirittura anni la malattia passa a un secondo stadio, che può colpire le articolazioni, il sistema nervoso, la pelle e raramente il cuore. Un’infezione da Borrelia può essere curata con la somministrazione di antibiotici. Se non viene riconosciuta o trattata sufficientemente, può provocare disabilità permanenti.

Eritema migrans
Diffusione e frequenza

La borreliosi di Lyme è l’infezione trasmessa da zecche più diffusa nell’emisfero settentrionale (America del Nord, Europa e Asia). In Svizzera circa il 5-30 per cento (in alcune zone anche il 50%) delle zecche è infetto da Borrelia burgdorferi. Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica, nel nostro Paese si registrano 10 000 casi d’infezione l’anno.

Prevenzione

Diversamente dalla meningoencefalite primaverile-estiva FSME (meningite), anch’essa trasmessa da zecche, contro la borreliosi non esiste alcun tipo di vaccino. Per proteggersi dalle punture occorre indossare indumenti che coprano tutto il corpo ed evitare il sottobosco. Esistono inoltre efficaci prodotti protettivi per la pelle e insetticidi da spruzzare sugli indumenti.
Dato che è difficile accorgersi del morso di una zecca, al rientro dal bosco è bene ispezionare accuratamente vestiti e corpo. L’utilizzo di indumenti chiari facilita l’individuazione delle zecche. Vanno controllati anche gli animali domestici (p. es. cani, gatti, cavalli). Se s’individua una zecca, rimuoverla il più rapidamente possibile: il metodo più efficace è afferrarla con una pinzetta fine appena sopra la pelle ed estrarla con una trazione continua. Sono disponibili anche delle carte rigide di plastica con un intaglio da infilare sotto il corpo della zecca per sollevarla ed estrarla. Dopo averla rimossa, disinfettare la parte interessata e annotare la data della morsicatura, sapendo di dover controllare la zona regolarmente nelle settimane successive. Nel caso appaia un arrossamento circolare (v.foto sopra) e/o  in caso di febbre consultare un medico.

Trattamento di un’infezione da borreliosi

La terapia prevede l’uso di un antibiotico, il più utilizzato é la dossiciclina (Vibramycin, Doxyclin) somministrato in dosi da 100 mg  2 volte al giorno per almeno 10 giorni.

Documento sulle zecche: zecche – SUVA

Tratto da: https://www.bag.admin.ch

Aggiornamento di maggio 2018

Secondo l’ufficio federale della sanità (bollettino nr.18 del 30 aprile 2018) le zecche sono probabili portatrici di un’altra malattia, la tularemia. Si tratta di una malattia batterica causata da Francisella tularensis, presenta un periodo di incubazione che varia dai 2 ai 10 giorni ed appartiene alle zoonosi, quindi alle malattie trasmesse da animali. Il contagio, oltre che in seguito alla puntura di una zecca, può avvenire tramite contatto con un animale infettato o inalazione di polvere contaminata (terra, escrementi) oppure acqua. Non vi è contagio tra esseri umani. I sintomi generali sono febbre, dolori muscolari e articolari, la terapia è con antibiotici. Benchè nel 2017 sono stati annunciati in Svizzera 129 casi (numero in aumento rispetto agli anni precedenti), la tularemia resta una malattia rara (1.5 casi su 100’000 abitanti).

Campagna diabete 2017

Si è conclusa il 31 marzo 2017 la campagna per la prevenzione del diabete. Considerando i valori glicemici misurati (non sempre su persone a digiuno!) e i fattori di rischio (appurati tramite questionario) di 46 persone, in 19 è stato riscontrato un rischio da moderato a alto di ammalarsi di diabete. Queste persone sono state invitate a sottoporsi ad un ulteriore controllo dal proprio medico nel corso dei prossimi 3 mesi.

Motivazione per la campagna, svolgimento e valutazione dei risultati

Individuare per tempo soggetti a rischio di diabete, o con glicemie alte ma non sintomatiche, è utile per poter indirizzare al più presto la persona verso il proprio medico curante per accertarne i rischi.
Il diabete è una malattia cronica che comporta un elevato tasso di glucosio nel sangue (iperglicemia): ciò è dovuto ad un’insufficiente produzione di insulina o ad un suo scorretto utilizzo da parte dell’organismo.
I fattori di rischio sono molteplici: sovrappeso, attività fisica ridotta, alimentazione non equilibrata, età avanzata, fumo, ecc.
Per tutto il mese di marzo sarà possibile misurare gratuitamente e senza appuntamento la glicemia in farmacia: il momento più idoneo della giornata è la mattina a digiuno.

Con un piccolo prelievo di sangue capillare dal dito sarà dunque possibile rilevare in maniera affidabile la concentrazione di glucosio nel sangue e, se lo desiderate, valutare altri parametri (età, peso, altezza, circonferenza addominale) al fine di poter individuare un’eventuale predisposizione alla malattia. Il prelievo viene effettuato con un pungidito usa-e-getta (v.immagine).
I dati (anonimi) sono trasmessi all’Ordine dei farmacisti del Canton Ticino dalle farmacie del Cantone, dove sono valutati statisticamente.