La febbre chikungunya

Chikungunya, dengue e zika

Come la borreliosi (v. pagina “zecche”) anche queste sono malattie trasmesse da vettori, in questo caso non da insetti ma da zanzare.

La febbre chickungunya (ma anche la dengue e la zika) sono malattie virali trasmesse da zanzare del genere Aedes che hanno la particolarità, a differenza della zanzara anofele (che trasmette la malaria), di pungere prevalentemente di giorno.
La febbre chikungunya è trasmessa prevalentemente, in Europa, dalla zanzara tigre (Aedes albopictus). Il periodo di incubazione è di 3 – 12 giorni, i sintomi consistono nell’insorgenza di una febbre improvvisa e in dolori articolari che colpiscono tipicamente le articolazioni delle mani, dei piedi e delle ginocchia. Possono essere presenti anche sintomi come dolori muscolari, eruzione cutanea, cefalea o sanguinamenti spontanei del naso o delle gengive. In gravidanza è possibile la trasmissione del virus dalla madre al feto.
Inizialmente diffusa solo in Tanzania, questa malattia si è manifestata in tutta l’Africa occidentale, per estendersi all’India, all’Asia, alle Filippine e alla Tailandia. Nel 2004 era presente anche in varie isole dell’Oceano indiano, dove provoca importanti epidemie. Dal 2013 è presente anche sul continente americano. La presenza in Europa di zanzare tigre ha portato a casi endemici in Italia e in Francia; nel 2003 si è scoperta la presenza di questa zanzara anche in Svizzera, a sud delle alpi. Interessante il modo in cui la zanzara è arrivata da noi (in Ticino): non potendo percorrere lunghi tragitti, è arrivata come ospite clandestino in macchine o camion. Sempre in Ticino, per evitare la trasmissione del virus, si raccomanda di evitare l’accumulo di acqua stagnante eliminando i sottovasi, contenitori di acqua piovana e simili, in quanto sono luoghi di incubazione e riproduzione durante i mesi estivi.
Contro la malattia non esiste un trattamento specifico (in caso di febbre e dolori evitare l’uso dell’aspirina); è quindi importante la prevenzione, utilizzando un repellente efficace su corpo e vestiti (leggere le limitazioni di utilizzo per neonati/bambini o donne in gravidanza).

Zika: v. doc. PDF bu_30_16_zika-virus_i